logo



 HOME   STAFF
 CONTATTI  AMMINISTRAZIONE  TRASPARENTE
CHI SIAMO 
Innovazione delle filiera bovina da latte in Abruzzo per Produzioni Lattiero casearie ad elevato contenuto salutistico ed ecososteniBile (IProLaB)
Partenariato Consorzio di Ricerca per l'Innovazione Tecnologica, la Qualità e la Sicurezza degli Alimenti scrl
Consorzio di Ricerche Applicate alla Biotecnologia - CRAB
ANSAPE SOCIETA’COOPERATIVA
Consorzio Produttori Latte della Conca Aquilana, Valle dell'Aterno e Gran Sasso d'Italia
Associazione Regionale Allevatori d'Abruzzo
Università degli Studi di Teramo – Dipartimento di Scienze degli Alimenti
Università degli Studi di Chieti

Obiettivi Il presente progetto intende muoversi nella direzione indicata nel Programma Nazionale per la Ricerca per il settore agricolo e in particolare perseguendo gli obiettivi di sviluppo di nuove tecnologie di processo e organizzative per la valorizzazione dell’intera filiera alimentare a tutela del consumatore, delle specificità territoriali, dei livelli di reddito ed occupazionali nonchè per la formazione, la divulgazione delle conoscenze scientifiche e tecniche. A tali obiettivi si uniscono quelli definiti dal Piano Strategico Nazionale per lo Sviluppo Rurale che, recependo la priorità comunitaria “Modernizzazione, innovazione e qualità nella catena alimentare”, indica tra i punti fondamentali del sostegno allo sviluppo, la promozione al rinnovamento delle imprese e dell'integrazione delle filiere per il consolidamento e lo sviluppo della qualità della produzione agricola.
Attività Caratterizzazione produttiva delle aziende agro zootecniche abruzzesi.
 
Caratterizzazione del latte vaccino e dei prodotti lattiero caseari tipici  abruzzesi.

Arricchimento della qualità del latte con elementi funzionali quali i microelementi.


Messa a punto di nuove tecnologie per la valorizzazione di prodotti lattiero caseari arricchiti con microelementi.
Risultati attesi Individuazione di caratteristiche e peculiarità del latte abruzzese e suoi derivati  che possano costituire nuovi possibili “punti di forza” della filiera e di attrattiva per il consumatore finale, allo scopo di contribuire a sottrarre la filiera lattiero casearia abruzzese alle logiche commerciali prevalenti basate sulla mera riduzione del costo di produzione.

Riscoperta dei canoni produttivi tradizionali, messi a fuoco attraverso angoli visuali vicini alle tematiche di sostenibilità ambientali sempre più oggetto di attenzione di fasce rilevanti di consumatori nonché della governance europea.

Diversificare e innovare l’offerta complessiva attraverso:

  • La determinazione di caratteristiche funzionali positive correlate con il “modello” produttivo abruzzese.
  • La creazione di nuovi prodotti funzionali ottenuti attraverso linee di ricerca volte alla progettazione, realizzazione e messa a punto di formulazioni innovative di prodotti contenenti elevate quantità di specifiche componenti native del latte che presentano proprietà funzionali (latte e prodotti lattiero caseari naturalmente arricchiti con microelementi quali Iodio, Selenio, Zinco).
  • Lo sviluppo di protocolli tecnologici per la produzione di formaggi “freschissimi”.
Risultati ottenuti
Caratterizzazione del latte abruzzese e suoi derivati  prodotti secondo i canoni produttivi tradizionali. Sono state analizzate le proprietà qualitative e funzionali del latte, al fine di valutarne l’idoneità alla trasformazione e sono stati ottimizzati i processi produttivi (caseificazione, salatura, formatura) per l’ottenimento di formaggi freschi non stagionati con un bilanciato valore nutrizionale.

Sono stati creati  nuovi prodotti funzionali a partire da  latte vaccino arricchito con microelementi (Zinco, Iodio e Selenio)  che apportano un elevato valore salutistico contribuendo al mantenimento di molti meccanismi omeostatici nell’uomo e nell’animale (efficienza del sistema immunitario e difesa antiossidante nei confronti di radicali liberi od agenti ossidanti esterni/interni) e nella sintesi di ormoni tiroidei per la prevenzione del gozzo endemico e di altre patologie da carenza iodica. Si sono registrati degli effetti “positivi” di questa integrazione anche negli animali stessi: migliori risposte del sistema immunitario (effetti immunostimolanti), maggior efficienza dei meccanismi antiossidanti, migliore qualità igienico-sanitaria del latte e migliori performance riproduttive.

Al fine di garantire la conservazione delle caratteristiche qualitative e sanitarie dei prodotti, sono stati effettuati studi finalizzati allo sviluppo di un confezionamento in grado di assicurare la shelf-life per un tempo adeguato alla catena commerciale e distributiva.

Elenco attività svolte
Relazione tecnica di sintesi
LE STRUTTURE 
INNOVAZIONI PRODOTTE 
BIOTECNOLOGIE SVILUPPATE 
I NOSTRI PROGETTI 
SERVIZI ALLE IMPRESE 
LINKS DI INTERESSE 
NEWS 
MISURA 124
PSR Abruzzo 2007-2013



Bovini alimentati nella dieta con microelementi (iodio, selenio e zinco)

  

Produzione della giuncata e caciotta ottenuti da latte arricchito con microelementi (iodio, selenio e zinco)



Produzione della ricotta ottenuta da latte arricchito con microelementi (iodio, selenio e zinco)



Produzione del caciocavallo ottenuto da latte arricchito con microelementi (iodio, selenio e zinco)



Pre-post trattamento con ozono



Determinazioni analitiche in Gas Cromatografia


Kit per la determinazione dello iodio nel latte




Via S. Pertini, 106 - 67051 AVEZZANO
Tel. 0863.412296/412105 - FAX 0863.412300 - E-mail: segreteria@crabavezzano.it